mercoledì 21 aprile 2010

Al via GruppoLocale e SegnaleRumore Daily News!

Rimaniamo ancora in ambito web con questo post, stretto parente di quello inviato ieri su GruppoLocale.it riguardante l'omonimo account Twitter.  Oltre alla lista appena inaugurata @gruppolocale/astronomia, grazie ai servizi del sito http://paper.li ora disponiamo anche di un simpatico "quotidiano astronomico", raggiungibile all'indirizzo http://paper.li/gruppolocale.



L'edizione appena uscita, disponibile su http://paper.li/gruppolocale


Sulla stessa lunghezza d'onda, mi sono dato un pò da fare per creare un analogo giornale che spaziasse sugli argomenti trattati da SegnaleRumore.it. Per l'occasione, ho innanzitutto dato una rispolverata al relativo account Twitter, aggiungendo una lista chiamata linux (lo so che ce ne stanno a iosa, ma ne volevo una configurabile secondo i miei gusti... sperando non siano solo i miei!); dopodichè sono passato per paper.it ancora una volta, per creare il SegnaleRumore Daily News.

Per gli interessati, dirò che il sistema è semplicissimo da configurare; in pratica basta autorizzare il sito ad accedere al proprio account Twitter, poi ci pensa lui ad estrarre le "notizie" che acquisisce dalla timeline propria e di quella delle persone che si seguono. L'effetto non è malvagio, a mio avviso... Comunque, giudicate voi!



Una sezione del primo numero di SegnaleRumore Daily News ...
acchiappatelo prima che diventi materia per collezionisti ! ;)


Tenete presente che - come ogni quotidiano che si rispetti - si ha una sola edizione ogni 24 ore. L'unica differenza è che - almeno per ora - non li potete trovare in edicola ... ;)




venerdì 9 aprile 2010

In arrivo Scribfire per Chrome

Con piacere noto che è finalmente in arrivo la versione di Scribfire per il browser Chrome (è appena stata rilasciata la alpha). Scribfire è secondo me uno degli add-on più interessanti per chi voglia inviare messaggi sui propri blog, usando semplicemente il proprio browser. Personalmente lo sto usando da molto tempo attraverso Firefox: ad esempio, da diverso tempo tutti i miei post su GruppoLocale.it vengono redatti con tale eccellente software. 

Delle eccellenti doti di snellezza e velocità di Chrome (e naturalmente di Chromium, il suo corrispettivo Open Source) abbiamo già parlato diverse volte in questa sede. Il divario tra le estensioni di Firefox e quelle disponibili per Chrome è certamente ancora elevato e a vantaggio della Volpe di Fuoco, ma ho la sensazione che le cose stiano rapidamente cambiando. Chi scrive, dopo anni e anni di Firefox, da un pò ha mutato le sue abitudini e eletto Chrome come browser predefinito, sia su Ubuntu che su Mac OS (i suoi due ambienti preferiti). Firefox, bisogna dirlo, è super accessoriato, ha moltissimi altri meriti, ma è sensibilmente più pesante. 

 

Questo post è il primo che scrivo con la versione alpha di Scribfire per Chrome. Mi sembra giusto (ed anche... squisitamente ricorsivo) che venga dedicato proprio a Scribifire. Software che, su Firefox o Chrome, vi inviterei a provare (certo per Chrome ricordatevi che è appunto ancora in fase alpha, ovvero molto preliminare), se siete affezionati alla scrittura su blog, sistematica o occasionale che possa essere... 

Ora, se leggete il post, vuol dire che comunque sta funzionando.. ;)

giovedì 8 aprile 2010

FlickrPad, spingersi oltre l'iPad di Apple...

Decisamente, l'arrivo sul mercato dell'iPad di Apple, sta smuovendo il mercato dell'hardware e del web in maniera rilevante. Il semplice fatto che tale device non supporti Flash ha fatto sì che praticamente tutti i più grandi siti che hanno sempre utilizzato questa tecnologia, si siano affrettati ad elaborare soluzioni alternative. Il che non guasta, visto che l'HTML ultima versione (la cinque) in effetti permette di realizzare cose che prima potevano solo appoggiarsi a soluzioni di terze parti.

Di conseguenza ne deriva una salutare "svecchiata" di gran parte dei siti web e una spinta compatta verso l'adesione agli standard più recenti. Prima ancora di essere commercializzato (non parliamo poi di quando sarà diffuso!), l'iPad fa sentire i suoi effetti. Solo ad Apple riescono queste cose? Pura strategia di marketing, o c'è dell'altro?

Comunque l'iPad ha già agguerriti competitori. Guardate il video per scoprire un'ottima soluzione alternativa (tra l'altro, più economica...)

Posted via web from SegnaleRumore Express