sabato 29 maggio 2010

Accesso libero a Wave di Google

Molto interessante il fatto che Google Wave sia diventato aperto per tutti, senza necessità di attendere un invito da parte di un iscritto (cosa che comunque era diventata abbastanza facile).

Avendolo sperimentato per qualche tempo, posso dire che Wave è un protocollo per Internet realmente nuovo e flessibile, di comodo impiego in diverse situazioni. Dove eccelle, comunque, è come strumento collaborativo; lavorare su una Wave è un modo facile ed efficiente di organizzare le informazioni e di sviluppare bozze di documenti, ad esempio.

Il sistema di plugin garantisce flessibilità ed espandibilità a tutto il sistema.

Forse fatica un pò ad affermarsi: questione di una "inerzia di primo distacco" dagli strumenti più tradizionali, come la email?


mercoledì 19 maggio 2010

Apple / Adobe peace proposal

Interesting article, dense with links to reference litterature on the topic of Apple / Adobe war around allowing Flash into iPhones and iPods, and a proposal path to peace.

http://www.infoworld.com/print/122878

martedì 11 maggio 2010

Perchè uso gmail #0

Con questo post vorrei cominciare a stilare una piccola lista dei motivi che mi hanno portato piano piano ad appoggiarmi alla mail di Google (la ormai famosissima Gmail) come provider ed interfaccia d'elezione per le mie comunicazioni di posta elettronica, a più o meno sensibile scapito delle altre (numerose) possibilità alternative. Spinto in questo, anche, dalla "ruminazione" personale di un piccolo "dibattito" che è avvenuto a più riprese anche nel mio Istituto, dove comunque la mia posizione è sposata (in gradazioni diverse) da un numero non indifferente di ricercatori.

Gmail fin dal suo apparire è stato a buon diritto considerato "innovativo" per una ampia rosa di motivazioni, spaziando dagli aspetti più tecnici (interfaccia con uso accorto di AJAX e delle tecnologie emergenti) a quelli più "sociali" (modello conversazionale, etc); pertanto la scelta lungi dall'essere "riduttiva" penso possa dare il destro per ragionare ad ampio spettro sul web "moderno" nelle sue varie declinazioni. 

In prima battuta, avevo pensato ad un post sul blog SegnaleRumore, con una lista di "motivi" che mi rendono l'esperienza di gmail appealing più di altre. Poi ho ipotizzato però che sarebbe stato forse più interessante spezzettare il post in una serie di diverse pilloline, che possono agevolmente trovare collocazione sul blog "cugino", SegnaleRumore Express. Questo mi serve anche per sperimentare modi d'uso che possano essere specifici per la piattaforma Posterous che lo ospita...
A questo punto, direi che risulta definito lo scenario. Il prossimo post con un primo "motivo" (e se volete aggiungere il vostro, scrivete pure a post@segnalerumore.posterous.com) ... 


giovedì 6 maggio 2010

Rilasciato KDE 4.4.3

E' appena arrivata la terza release dell'ambiente desktop KDE 4.4, l'alternativa principale a GNOME (o viceversa, a seconda dei gusti), nonché "motore" di distribuzioni come Kubuntu, Mandriva, e molte altre. 

Dall'annuncio sul sito di KDE, si evince come questa (dal curioso codename "cuality") sia più che altro una release di bugfix e di aggiornamento delle varie traduzioni; in ogni caso è un aggiornamento raccomandato per chiunque usi KDE 4.4.2 o antecedenti.



Tra le migliorie, vengono segnalate:
  • numerosi fix in Konsole, l'emulatore di terminale di JDE
  • il supporto a Flash in KHTML è stato migliorato per poter lavorare con le nuove "skin" di YouTube
  • alcuni fix minori nella libreria di I/O KIO
  • vari altri fix orientati principalmente alla prevenzione di crashes e instabilità dell'ambiente desktop

martedì 4 maggio 2010

Eccola, Ubuntu DieciZeroQuattro


DieciZeroQuattro
Originally uploaded by mcastellani
E' fatta, ho appena aggiornato la mia linux box alla Ubuntu 10.04! Con piacere devo dire che la procedura di upgrade si è svolta senza patemi e praticamente nessun intervento da parte mia (a parte confermare la sovrascrittura di alcuni files di sistema).

Ora, di esplorazioni dettagliate della nuova release ve ne sono tantissime in rete (ad esempio in italiano c'è quella su webnews, ma basta googlare un pò  per trovarne a bizzeffe), dunque qui mi appunto solo qualche impressione d'uso. Diciamo, quello che mi colpisce senza "raspare" troppo sotto la superficie, al primo approccio. Vediamo...
  • per un "malato" di social networks come il sottoscritto, Ubuntu 10.04 si presenta con un aspetto davvero interessante: è spiccatamente sociale. E' infatti integrato il client gwibber (giunto ormai alla release 2.30.0.1) che supporta Twitter, StatusNet, Facebook, Identi.ca, Digg, FriendFeed ed anche Qaiku (un servizio di microblog con supporto alle lingue che mi piace molto, di cui ho già parlato nel blog, e del quale ho curato buona parte della traduzione dell'interfaccia in italiano). Di più, non è soltanto incluso, ma fa parte del concetto "sociale" di Ubuntu, per il quale si può intervenire sulla propria "presenza online" direttamente dalla barra di stato superiore di Gnome. Sono molto curioso (e lo sono anche gli sviluppatori) di capire se l'inclusione nativa di Qaiku in Ubuntu porterà nuovi utenti a mettere il naso in questa interessante ma ancora poco conosciuta piattaforma.
  • Si è molto parlato in rete del nuovo negozio di musica online che arriva integrato dentro il "software di gestione e riproduzione musicale per GNOME" Rhytmbox, arrivato alla versione 0.12.8 (ma questo vezzo di andare avanti con le versioni zero punto qualcosa non lo vogliamo perdere??). Ho appena dato un'occhiata e tra l'altro i prezzi di diversi album sono molto interessanti e almeno in alcuni casi, nettamente inferiori a iTunes. Ma per qualche motivo ho provato ieri e oggi ad effettuare un acquisto senza riuscire a completare l'operazione.. si ferma a metà della procedura. Aspettiamo e riproviamo ;)
  • Gli sfondi e tutto il desktop GNOME hanno il mio plauso, per la ricerca estetica che mi pare abbia avuto ottimo esito. Complessivamente, mi sembra abbastanza chiaro che Mac OS X sia stato ben tenuto in conto dagli sviluppatori di Ubuntu (fino ai particolari come le iconcine sulla parte sinistra delle finestre)... ma va bene così, no problem ;)
  • Anche l'Ubuntu Software Center (il cui riferimento non troppo nascosto è ancora il repositorio software online di Mac OS X) ha fatto rilevanti progressi. E' più facile e piacevole navigare tra le categorie per scegliere il software da istallare... gratuitamente, per giunta!
Insomma, a me piace. Sicuramente vi sono cose da migliorare e da sistemare (incluso qualche stranezza di gwibber, a me continua a dare errore di autenticazione in Qaiku nonostante abbia inserito già un paio di volte la API corretta... ), ma mi pare siamo arrivati ad una versione di tutto rispetto; una delle rappresentazioni più importanti - forse la più rilevante al momento attuale - di un sistema operativo open source.

... voi che ne pensate, sto esagerando ?