Kubuntu 7.10 – Gutsy Gibbon è “In Strada”…

… Dunque Gutsy Gibbon è finalmente “On the Streets”, e pur nel pieno rispetto della tabella di marcia!!

Il fatto che non vi siano novità “rivoluzionarie” in questa release – lungi dall’essere a mio modesto avviso motivo di biasimo – è invece decisamente incoraggiante, nel senso che ormai si procede, come ben dicono le note di rilascio, verso la progressiva creazione di un “ambiente per desktop sicuro e stabile, sulla strada per divantare il perfetto sistema operativo con KDE”. Dunque niente scossoni, la strada essendo ormai tracciata. E mi piace che venga ribadito il fatto che il sistema è costruito “intorno” a KDE: così deve essere, per Kubuntu (sennò la “K” che ci sta a fare?). Dire – come ho letto in rete – che Kubuntu è troppo KDE-centrica, è un controsenso… lo è al massimo, e lo deve essere, poichè – in una miriade di diverse distribuzioni – è questa la sua peculiarità, la sua “impronta” (e la sua “scommessa”)… o no? 😉

October 18, 2007 – Kubuntu 7.10 has been released and is available for download now.Kubuntu 7.10 removed the feistiness, becoming the gutsiest release to date. Improved desktop, updated applications and increased usability features are just a few of the surprises with this latest release. The goal for Kubuntu 7.10, codenamed Gutsy Gibbon, was to remove the edge and the feistiness from previous releases and to continue on the creation of a secure and stable desktop environment, on a road to becoming the perfect KDE based operating system. The development team has once again succeeded in reaching their goals, and we are very happy to bring you this new release.

Kubuntu – Kubuntu 7.10 – Gutsy Gibbon On the Streets

Blogged with Flock

Loading


Scopri di più da SegnaleRumore

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli via e-mail.

Pubblicato da Marco Castellani

Marco Castellani, astronomo, divulgatore, scrittore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più da SegnaleRumore

Abbonati ora per continuare a leggere e avere accesso all'archivio completo.

Continue reading